Home Evidenza Il ruolo del respiro nell’attività delle ghiandole endocrine

Il ruolo del respiro nell’attività delle ghiandole endocrine

6700
0

Prendersi cura della nostra frequenza respiratoria è la più importante e la più divulgabile di tutte le informazioni. Nella tradizione yogica si pensa che ognuno di noi venga al mondo con un numero di respiri assegnati, quindi più lentamente respiriamo e più a lungo viviamo. Infatti più la frequenza respiratoria è lenta e più noi attiviamo in maniera benefica le ghiandole endocrine. Per essere più precisi: sotto gli 8 respiri al minuto abbiamo un’attivazione dell’ipofisi, sotto i 4 l’epifisi inizia a secernere nella maniera desiderata, e con una frequenza respiratoria di un respiro al minuto otteniamo il massimo allineamento possibile tra energia sottile e vita organica.

Ipofisi e epifisi, due ghiandole fondamentali per il nostro organismo

Ipofisi-EpifisiL’epifisi è una ghiandola endocrina situata alla base del cranio. Di circa 1 cm di lunghezza e di colore grigio-rossastro, è a forma di pigna (da cui il nome di ghiandola pineale). Per Cartesio la ghiandola pineale è il punto privilegiato dove mente (res cogitans) e corpo (res extensa) interagiscono, in quanto unica parte del cervello a non essere doppia. Solo nel 1958 fu scoperto che l’epifisi produce un importante ormone, la melatonina, solo in assenza di luce, secondo un ritmo circadiano. È una proteina modificata derivata dalla serotonina che incide sulla crescita sessuale degli individui e ne regola il ritmo sonno-veglia. Un suo malfunzionamento può influire negativamente sul sistema immunitario e cardiovascolare, nonché diminuire la vitalità fisica.

L’ipofisi o ghiandola pituitaria è una ghiandola endocrina di piccole dimensioni (ha un peso di circa 0,9 g) che si trova alla base del cervello. È “il direttore” che controlla, attraverso la secrezione di numerosi ormoni, l’attività endocrina e metabolica di tutto l’organismo e il punto di contatto tra cervello e sistema nervoso. Il suo malfunzionamento può causare disturbi alla tiroide e ai surreni e avere effetti secondari sulla funzione visiva, vascolare e neurologica. La connessione anatomica tra ipofisi e ipotalamo, realizzata mediante un peduncolo, permette al sistema nervoso di svolgere un’azione regolatrice sul sistema endocrino.

Redazione online

Previous articleKombucha, lo sapevate che…
Next articleZepter, che la vostra medicina sia il vostro cibo
Il mondo di Luxury & Food attraverso i consigli e stili di vita

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here