Home Evidenza VALKENSWAARD, Trionfo di Tony Cairoli

VALKENSWAARD, Trionfo di Tony Cairoli

68
0
SHARE

MX1 gara 2 – Cade il gate della seconda manche e tutto sembra consumarsi in poche tornate. Finalmente si intravede CP377 che scatta al comando ma la sua azione si esaurisce in poche centinaia di metri. Frossard, Desalle e Cairoli lo sfilano senza possibilità di replica per il transalpino. Il piu’ deciso sembra l’irruento Desalle che sorpassa Frossard con un’azione al limite! Al primo passaggio e’ gia’ in testa e pare allungare. Cairoli non ci sta ed al terzo giro cambia il passo abbassando i suoi tempi fino a rendersi inavvicinabile da chiunque. Al quarto passaggio e’ gia’ in testa e la gara per la tabella rossa si esaurisce. Danza nella sabbia infernale di Valkenswaard allungando sugli inseguitori. Desalle prova a non farlo fuggire ma la differenza e’ evidente e ben presto desiste. Terzo al traguardo un positivo Frossard che mette nel paniere punti pesanti in vista di un lungo campionato del Mondo. Manche non positiva per gli altri italiani. Problemi per Philippaerts che al primo passaggio transita sul traguardo in 29# posizione. Tenta una rimonta in un tracciato reso veramente difficile dalle pessime condizioni atmosferiche. Al traguardo sara’ solo 19#. Guarneri parte nel gruppo di testa ma soffre decisamente la pista. Chiude la sua gara al 17# posto. Bonini sfiora la zona punti concludendo in 22# posizione. (foto Gutierrez – Queralt)

CLASSIFICA GP MX1

1 Cairoli KTM p. 50; 2 Desalle SUZ 44; 3. Frossard YAM 40; 4 Paulin KAW 32; 5 Strijbos KTM 31; 6 De Dycker KTM 31; 7 Goncalves HON 29; 8 Simpson YAM 23; 9 Leok SUZ 22; 10 Boog KAW 20; 11 Philippaerts YAM 21; 16 Guarneri KTM 12; 18 Bonini KTM 7.

MX2 gara 2 – Piatta, piattissima MX2 gara-2 nonostante l’avvio straordinario di Searle (foto Gutierrez Queralt). Due giri e l’inglese lascia strada: Herlings è incontenibile e la sua manche è più una lotta con il cronometro che contro gli avversari. Che ci provano ma evidentemente senza successo.
Herlings chiude il suo perfect weekend vincendo a mani basse il Gran Premio d’Olanda.
Dietro, Roelants soffia la seconda piazza al compagno di Team nella manche ma anche nell’assoluta di giornata. Quarto è Van  Horebeek che precede Anstie. Il pilota di Gariboldi riesce finalmente ad avere un buon avvio e dimostra di poter reggere il passo. Per un posto sul podio potrebbe esserci anche lui.
L’Italia di Valkenswaard sta tutto in questo quinto posto di manche del pilota della Honda e nel tredicesimo posto di Lupino ancora una volta costretto a correre in rimonta dopo un partenza disastrosa. Rimandati o meglio bocciati dalla sabbia olandese gli altri nostri.

CLASSIFICA GP MX2

1 Herlings KTM 50; 2 Roelants KAW 42; 3 Searle KAW 42; 4 Van Hoerebeek KTM 36; 5 Tixier KTM 29; 6 Nicholls KTM 28; 7 Anstie HON 26; 8 Ferrandis KAW 24; 9 Teillet KAW 23; 10 Pocock YAM 22; 12 Lupino HSQ 16.

PRIMA MANCHE

MX2 gara 1 – Cinquantaquattro secondi e rotti… Tanto è il distacco che Jeffrey Herlings ha inflitto a Tommy Searle al termine della prima manche MX2. La differenza tra i due piloti che con tutta probabilità si contenderanno il titolo in questa stagione trova riscontro nella maniera in cui l’olandese ed il rivale inglese guidano tra le buche di Valkenswaard. Dove non c’è storia perché Herlings sui fondi molli è di un’altra categoria. Solo cinque piloti chiudono a pieni giri. Dal sesto in poi subiscono tutti il doppiaggio. Il terzo posto del podio va a Roelants che precede un deludente Van Horebeek, Nichols, l’ottimo Tixier e la sorpresa Tonkov.

Lupino, porta la sua Husqvarna in tredicesima posizione al termine di una corsa dignitosa. Gli altri italiani non sono mai in gara.

MX1 gara 1 è bella per un quarto d’ora abbondante. Fino a quando cioè Frossard, Paulin e Desalle ne hanno… allora la manche è divertente. I tre, con alterna fortuna, provano a complicare la corsa di Cairoli. Che dopo un avvio al comando cede per un giro la leadership a Frossard. Poi è sempre lui, il Tonino Nazionale, ha dettare i tempi.

A metà del tempo regolamentare, Cairoli si stacca dagli inseguitori e mette in ghiacciaia la vittoria. Dietro invece è gran bagarre per la seconda piazza. Che alla fine va a Desalle che precede Frossard e Paulin. Positivo il debutto di De Dycker quinto al primo via con la KTM 450.

Philippaerts chiude settimo molto lontano dal podio; Guarneri e Bonini rispettivamente in tredicesima e quattordicesima piazza.

Incolore la prova dei due Pourcel mentre Bobryshev prende il via nonostante la sublussazione al pollice della mano destra ma finisce a terra dopo solo tre giri.

MotoCross

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here