Home Bellessere Prevenire l’Alzheimer mangiando pesce e frutta secca oleoginosa

Prevenire l’Alzheimer mangiando pesce e frutta secca oleoginosa

344
0
SHARE

il-pesce-rosa-ehm-salmone-in-padella-con-pesc-L-PYcv9jPrevenire la malattia di Alzheimer mangiando pesce e frutta secca oleoginosa come le nocciole, le mandorle o le noci e anche carne di pollo. Sono alimenti che contengono acidi grassi polinsaturi omega-3, e che hanno la capacità di ridurre i tassi sanguigni della proteina beta-amiloide che è associata ai problemi di memoria e alla malattia di Alzheimer.

BUONA NOTIZIA – La buona notizia viene da uno studio effettuato da ricercatori della Columbia University, a New York, e pubblicato su Neurology. Nello studio sono stati inclusi 1.219 newyorchesi con più di 65 anni di età, senza turbe cognitive. Gli si è chiesto di compilare un questionario molto dettagliato sulle loro abitudini alimentari. Un anno confronto_tra_tipi_di_nocciolee mezzo dopo sono stati sottoposti a un prelievo di sangue che ha misurato il livello della proteina beta-amiloide. E’ utile ricordare che mentre  è assai difficile misurare i depositi di proteina beta-amiloide nel cervello, è facilissimo dosarla con un esame del sangue.

DIETA MEDITERRANEA – Che cosa è stato fatto? E’ stato cercato un legame con la proteina circolante, per dieci componenti nutritivi:  acidi grassi saturi, acidi grassi polinsaturi omega 3 e omega 6, acidi grassi monoinsaturi, vitamina E, vitamina C, vitamina D, vitamina B12, folati, betacarotene. I ricercatori hanno trovato che più un individuo consuma omega 3, più sono bassi i tassi di proteina beta-amiloide nel sangue. Lo studio ha anche tratteggiato una specie di menu: gli omega 3 consumati provenivano per lo più da pasti a base d’insalata, pesce, frutta, carne di pollo, margarina. Invece gli altri alimenti sottoposti al test non sembrano avere alcuna influenza sul tasso di proteina beta-amiloide circolante nel sangue. Lo studio ha anche dato una conferma di una cosa che già si sapeva: la dieta mediterranea è utile  per prevenire le turbe cognitive leggere, che spesso precorrono l’Alzheimer.

di Antonella Cremonese Fondazione Umberto Veronesi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here