Home Evidenza Polpette di branzino di chef Antonio Scarpati

Polpette di branzino di chef Antonio Scarpati

522
0
SHARE

La ricetta delle polpette di branzino di chef Antonio Scarpati è il biglietto da visita del nuovo Ristobar del Santa Lucia di Napoli: lo storico albergo del lungomare partenopeo ha infatti deciso di inaugurare un ristorante amarcord della vecchia Europa, che vuole essere un omaggio alla semplicità e alla squisita accoglienza italiana: zuppe di stagione e insalate fresche, mozzarella di bufala campana, club sandwich e, appunto, polpettine di pesce. «Ho cercato di restituire al luogo il fascino di un albergo della vecchia Europa, che tra poco sarà come il mito di Atlantide, alleggerendone i colori e le forme così da adattarlo a ospitare le nuove generazioni di turisti rivolte al futuro ma con uno sguardo al passato», spiega l’interior designer Mario Bottiglieri, che ne ha studiato concept, arredi e materiali. Con vista sul Castel dell’Ovo, il Ristobar vuole insomma rappresentare un salotto informale, dove incontrarsi per un caffè o un drink, un light lunch di lavoro, una cena tra amici o semplicemente un aperitivo.

Polpette di branzino

Ingredienti per 6 persone:
Pan carré al latte g 300, filetto di branzino pulito (cioè senza lische né pelle) g 900, 2 uova, sedano g 300, carote g 300, cipolla g 200, patate g 1.200, panna da cucina g 100, spinaci puliti g 300, mezza foglia di alloro, pepe in grani g 10, vino bianco g 120, olio d’oliva g 180, 1 cucchiaio di curry in polvere, 1 banana, 1 mela, latte per ammorbidire il pan carré g 100, sale, pepe e prezzemolo qb.
Procedimento:
Tritare al coltello, in piccolissimi pezzi, il branzino; unirlo quindi al pan carré precedentemente ammollato nel latte e strizzato, aggiungere poi due chiare d’uovo, il sale, il pepe e il prezzemolo. Fare delle polpette del diametro di 3 centimetri, da friggere poi in olio d’oliva e da passare al forno per 8-10 minuti a 150 gradi. Con le lische del pesce preparare, invece, un brodetto, unendo il sedano, le carote, la cipolla, il pepe in grani, l’alloro, un po’ di vino bianco e un un po’ di olio. A cottura ultimata filtrare quindi il brodo e tenere da parte.
Bollire le patate, sbucciarle e passarle con uno schiacciapatate; unire un po’ di olio, un po’ di brodo e la panna, e lasciare bollire per pochi minuti finché non si ottiene un’ottima crema soffice.
Fare la salsa di curry soffriggendo il sedano, la patata, la banana e la mela in olio d’oliva; unire il curry, bagnare con il vino, aggiungere il brodo e lasciare restringere la salsa.
Saltare con olio gli spinaci e salarli.
Mettere, infine, in un piatto il purè, adagiarvi sopra le polpette, affiancare gli spinaci e servire con la salsa di curry a parte, in una bellissima salsiera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here