Home Bellessere Né carne, né prosciutto. A tavola c’è muscolo di grano

Né carne, né prosciutto. A tavola c’è muscolo di grano

54
0
SHARE

Bistecche, roast-beef, spezzatino, cotolette, melanzane ripiene, polpettine,prosciutti.
Una tavola imbandita come tante. Certo l’aspetto è dei migliori e il primo, classico istinto è quello di prendere forchetta e coltello e sedersi a mangiare.
“Lo facevano anche i monaci zen buddisti cinesi e giapponesi. Ho solo ripreso quelle tecniche di lavorazione” dice Enzo Marascio. Si riferisce a ciò che i vegetariani certamente conoscono e cioè che esiste una carne vegetale prodotta usando la parte proteica del grano, il glutine. Si chiama seitan, è conosciuto anche come carne di grano ed è in vendita in molti negozi di alimenti naturali e macrobiotici. Proprio il metodo di lavorazione del seitan deve avere ispirato Marascio per la produzione del suo muscolo di grano. Si crea un impasto che viene lasciato a riposo, come per il pane, e poi sottoposto a lavaggi successivi, con acqua preferibilmente calda, per separare il glutine dall’amido e dalla crusca. Il risultato finale è una specie di panetto che, lasciato raffreddare, viene tagliato a fette e cucinato come la carne.

Sulla tavola, non ci sono solo bistecche e arrosti. Campeggia un piatto di spezzatino di muscolo di grano ai funghi: due sapori che si sposano bene. Ma c’è qualcosa che richiama subito l’attenzione: gli affettati. Hanno un colore particolare, rossastro. “Nessun colorante – precisa Enzo Marascio – perché per dare questo aspetto, aggiungo al muscolo di grano semplicemente della salsa di pomodoro”. Ciò che si ha di fronte sembra quindi del prosciutto cotto, anche se con un sapore diverso e magari più intenso. Fa anche un certo effetto provarlo nei toast. Viene da dire: tutto qui? Eppure si parla di alimenti prodotti con il grano.

Redazione online

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here