Home Bellessere Multa di 40mila euro alla Rigoni di Asiago: ingannevole la dicitura “senza...

Multa di 40mila euro alla Rigoni di Asiago: ingannevole la dicitura “senza zuccheri aggiunti”

116
0
SHARE

Lo scorso 20 marzo, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust) ha sanzionato con una multa di 40mila euro l’azienda Rigoni di Asiago, leader nella commercializzazione di marmellate e confetture, per aver presentato ai consumatori la confettura Fiordifrutta e il dessert di frutta fresca Fruttòsa, con la dicitura “senza zuccheri aggiunti”.

Fiordifrutta-Rigoni-di-Asiago-vecchia-etichetta-310x497Questa espressione compariva sull’etichetta dei vasetti, nei testi promozionali del sito web aziendale, nello spot e nelle telepromozioni in onda sulle reti Mediaset.
L’azienda vicentina ha violato il Regolamento Claim 1924/2006 CE secondo cui la frase “senza zuccheri aggiunti” «è ammessa solo se il prodotto non contiene mono o disaccaridi aggiunti o ogni altro prodotto alimentare utilizzato per le sue proprietà dolcificanti. Se l’alimento contiene naturalmente zuccheri deve figurare sull’etichetta l’indicazione “Contiene in natura zuccheri”».
Fiordifrutta Rigoni di Asiago-vecchia etichetta La confettura Fiordifrutta contiene frutta, succo di mela e pectina di agrumi, mentre Fruttòsa contiene frutta, purea di mele, pectina e farina di semi di carruba. Secondo l’Antitrust la presenza di ingredienti come il succo di mela e la purea di mela che hanno la chiara funzione  di dolcificare il prodotto è incompatibile con le diciture “senza zuccheri aggiunti”, “a ridotto contenuto di zuccheri” e “a basso indice glicemico” utilizzate nelle etichette o nelle promozioni da parte di Rigoni.
Il succo di mela concentrato utilizzato è un preparato composto da zuccheri al 69% per cui un vasetto di 100 grammi di Fiordifrutta alle pesche contiene 30,7 g di zuccheri derivanti da questo ingrediente, oltre ai 6,5 g di zucchero da pesche. Alla fine si arriva quindi a un totale di  37,2% di zuccheri aggiunti (quelli delle altre confetture oscillano dal 34,3% al 37%). Un discorso analogo si può fare per Fruttòsa dove lo zucchero della frutta si somma a quello della purea di mele.

Secondo l’Antitrust il consumatore che ha prestato fede alla pubblicità e alle etichette dei prodotti Rigoni è stato indotto a credere di avere comprato alimenti a ridotto contenuto di zuccheri, meno calorici e quindi adatti a chi deve tenere sotto controllo il peso o il diabete. Così non è, ed ecco la condanna e la multa.
A onor del vero, va detto che le diciture “incriminate” sono comparse per 3 anni, dal 2009 sino all’autunno del 2012. Dopo dal mese di ottobre 2012, l’azienda le ha sostituite con la frase indicazione “Contiene solo zuccheri della frutta”.

di Anissia Becerra Fatto Alimentare

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here