Home Best Chef Miglior Chef Emergente agli Chef Awards 2017

Miglior Chef Emergente agli Chef Awards 2017

197
0
SHARE

Il ristorante Tre Cristi tra i primi 35 ristoranti e lo chef Dario Pisani premiato 
Miglior Chef Emergente agli Chef Awards 2017
.

Lo chef a capo del ristorante Tre Cristi a Milano, Dario Pisani, 25 anni, è stato premiato ieri come Miglior Chef Emergente agli Chef Award 2017, il primo evento food dedicato alla premiazione dei talenti culinari di tutta Italia, basato su un nuovo concetto di votazione: la voce del web.
Ieri, lunedì 29 maggio all’Auditorium LaVerdi,  il ristorante Tre Cristi è entrato nella classifica tra i 35 migliori ristoranti d’Italia e lo chef Dario Pisani vinto il premio come Miglior Chef Emergente grazie ad oltre 3 milioni di giudizi lasciati dagli utenti sulle principali piattaforme web e portali dedicati al mondo del buon cibo. E’ la prima volta che gli chef sono giudicati proprio dalla voce più sincera e vera, quella di chi ha testato i ristoranti e lasciato un commento sul web.
Attraverso un semplice sistema di calcolo statistico, sono stati selezionati i migliori 600 ristoranti in base ai punteggi presenti sui portali, utilizzando la media ottenuta fra il numero massimo di recensioni e il numero di voti più alti. Solo i migliori 100 sono saliti sul palco di Chef Awards e fra questi 10, tra cui Dario Pisani e il ristorante Tre Cristi, è stato premiato per la categoria Under 30 dai “The Best Chef Awards”.
La selezione dei ristoranti, pubblicati per regione su www.chefawards.it, è stata bassata sui seguenti criteri:
1. Selezione dei ristoranti per provincia in relazione al numero di abitanti;
2. Selezione dei ristoranti iscritti in almeno due portali di feedback;
3. Selezione fra i ristoranti con almeno 50 recensioni/giudizi;
4. Comparazione delle percentuali ottenute in almeno 2 portali.
Tre Cristi Milano: la scommessa sui giovani, lo chef Dario Pisani

Nelle cucine del Tre Cristi di Milano si insediano solo anime che hanno qualcosa da scrivere nella storia della cucina italiana, la banalità e la sicurezza la si lascia a chi non ha più voglia di crescere. E il Tre Cristi scommette sui giovani, età media 25 anni: a partire da Dario Pisani, lo chef napoletano che ora è a capo della brigata, nuovo astro nascente che guarda in alto, racchiuso tra i grattacieli del quartiere futurista di Porta Nuova Varesine a Milano.
Tre anni da Enrico Crippa al Piazza Duomo di Alba, che gli ha trasmesso l’importanza del valore estetico dei piatti, Carlo Cracco a Milano, dove ha appreso il rigore e il rispetto del lavoro di squadra, e forse uno degli ultimi allievi di Gualtiero Marchesi, presso l’omonimo ristorante sotto i portici del Teatro alla Scala, da cui ha interiorizzato il culto per la materia prima e la raffinata sintesi dei piatti; poi ha preso il volo, senza rinnegare le origini partenopee, la sua vena creativa si rispecchia in uno stile essenziale ed elegante. Al ristorante si privilegia l’interazione, il rapporto diretto con gli ospiti e la sorpresa; un piatto cult, il cannolo scomposto, dalla cialda più leggera del tradizionale, può trasformarsi da uno a sette cannoli con diverse granelle, creme e delicatezze. Eleganza e privacy sono protagonisti dei 35 coperti scelti del Tre Cristi: un leggero restyling che ha recentemente rinnovato gli spazi mantenendo la classicità.

Redazione online

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here