Home Evidenza Materiali chimici per i terroristi siriani forniti dagli agenti del Qatar

Materiali chimici per i terroristi siriani forniti dagli agenti del Qatar

63
0
SHARE

Beirut, 22 giugno 2013 – Il quotidiano libanese al-Akhbar ha rivelato che i materiali chimici tossici che i gruppi terroristici hanno utilizzato nella zona Khan al-Assal, ad Aleppo lo scorso marzo, sono stati trasferiti da due agenti del Qatar tramite la Turchia.

akhbartheme_logoIl giornale ha sottolineato che il trasferimento di sostanze chimiche è stato fatto con la conoscenza di Ankara, secondo le informazioni della sicurezza divulgate da un apparato di intelligence di una regione locale, dagli ufficiali del Qatar  maggiore Fahd Saeed al-Hajiri e il capitano Faleh Bin Khalid al-Tamimi.

Il quotidiano libanese ha sottolineato che le autorità turche hanno cercato di insabbiare il processo di trasferimento, in particolare dopo le richieste russe di spiegazioni in merito, dopo l’annuncio dell’arresto di 12 membri Jabhat al-Nusra in possesso di materiali chimici, tra cui 2 kg di gas sarin.

Le informazioni fornite dai servizi di intelligence di cui sopra hanno sottolineato che i due ufficiali del Qatar sono rimasti uccisi in una esplosione sospetta in Somalia, cosa che avvalora i presupposti russi sulla stessa questione.

Il giornale si riferiva all’attentato suicida che ha colpito un corteo qatariota a Mogadiscio il 5 maggio scorso e in cui 8 persone almeno sono state uccise.
Relazioni dei media hanno poi evidenziato come le autorità del Qatar abbiano cercato di mantenere ciò che era accaduto lontano dai riflettori, per nascondere la morte dei due funzionari di alto rango del Qatar, il cui compito era di coordinare il lavoro di reclutamento dei terroristi da inviare in Siria.

Le informazioni rivelate dal quotidiano al-Akhbar coincidono con le relazioni del Washington Post, che ha sottolineato come dopo mesi di test di laboratorio da parte di esperti degli Stati Uniti nessuna prova è stata raggiunta per dimostrare le affermazioni “dell’opposizione siriana” secondo cui armi chimiche sono state utilizzate dal governo siriano.

“Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno fornito le Nazioni Unite di un patrimonio di elementi di prova, tra cui diversi campioni di sangue, di tessuti umani e del suolo, che i funzionari degli Stati Uniti dicono possano dimostrare che le truppe regolari siriane hanno utilizzato l’agente nervino di gas sarin sul campo di battaglia”, ha detto al Washington Post in un articolo pubblicato venerdì.

“Ma la natura delle prove fisiche, così come il segreto su quanto è stato raccolto e analizzato, ha aperto una serie di critiche da parte di esperti in materia indipendenti, i quali dicono che non esiste un modo affidabile per valutare l’autenticità dei fatti”, ha aggiunto il Washington Post.

Yulia Shesternikova Fonte al Akhbar a cura TG24 Siria

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here