Home Lifestyle L’unica onsen giapponese con tre stelle Michelin

L’unica onsen giapponese con tre stelle Michelin

231
0
SHARE

Anche se la prefettura è patria di appena un milione di abitanti, Oita non ha una, ma due famose località termali. La prima è Yufuin, generalmente considerata più raffinata, mentre Beppu, avendo alcune delle sorgenti termali più popolari in Giappone, viene considerata come la città più turistica. Mentre ci può essere del vero nelle etichette date a queste due località, c’è una cosa che Beppu ha e che non troverete a Yufuin, o in qualsiasi altra parte del paese: l’unica onsen a poter vantare tre stelle Michelin. L’alto elogio dato a Beppu Hyotan Onsen non è il risultato di un singolo valutatore travolto dalla foga del momento, ma una cosa che ormai si ripete da ben quattro anni consecutivi. Per chi possa pensare che Hyotan Onsen sia una struttura recente, sbagliate, la struttura è stata aperta nel lontano 1922.
Nonostante l’alto livello, il costo d’ingresso è più che ragionevole, solo 750 yen (5€), o solo 560 yen (4€) se arrivate dopo le 18:00, e la struttura offre ben otto bagni femminili e otto maschili. I bagni sono stati mantenuti nello stesso stile tradizionale di com’erano 90 anni fa, con vasche realizzate con materiali naturali come rocce e cipressi giapponesi. Il bagno più particolare è il Taki no Yu, la vasca con cascata, che ha una serie di 19 cannelle d’acqua a cascata che scende da tre metri di altezza per massaggiarvi le spalle, il collo e la schiena. Ma non è solo il numero e la varietà dei bagni che attirano i visitatori alla Hyotan Onsen, ma è la qualità dell’acqua stessa. Presa direttamente dalla sorgente, l’acqua contiene un contenuto estremamente elevato di acido metasilicico, che nonostante il nome un po’ spaventoso è un ottimo idratante naturale della pelle. C’è un problema però, alla fonte l’acqua è a 100 gradi Celsius, il che significa che è letteralmente bollente. Si potrebbe abbassare la temperatura miscelandola con dell’acqua fredda, ma così facendo si diluirebbe anche il contenuto minerale terapeutico. Al fine di mantenere l’acqua del tutto naturale, Hyotan Onsen ha ideato quello che è soprannominato yumetake, proveniente dai caratteri kanji per “acqua del bagno”, “pioggia” e “bambù”.
L’acqua bollente viene dirottata e versata sopra una trama di bambù, scorrendo verso il basso si raffredda in pochi secondi a 47 gradi, temperatura ottima per un bel bagno caldo. Con ulteriori 330 yen avrete la possibilità di fare anche un bagno di sabbia, che viene riscaldata dalla sorgente calda che scorre sotto terra. Inoltre, l’acqua di sorgente può anche essere usata per cuocere al vapore vari ingredienti. Il ristorante dello Hyotan Onsen serve una serie di piatti cucinati proprio in questa maniera, e c’è anche una bella terrazza all’aperto dove si può godere l’ottimo cibo in stile giapponese mentre siete ancora vestiti con il vostro yukata. Oltre a tutto questo, Hyotan Onsen ha anche bagni familiari privati, sia interni che esterni, che possono essere affittati ad ore. C’è anche un pediluvio gratuito per coloro che vogliono sperimentare le acque lenitive senza accedere alla struttura interna. Se vi piace questa onsen, sappiate che la struttura è facilmente raggiungibile con 25 minuti di autobus dalla stazione di Beppu. L’onsen è aperta dalle 9:00 all’1:00 del mattino successivo, e con così tanti punti per rilassarsi, potete usare tutto questo tempo senza problemi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here