Home Evidenza Latte contaminato: Tutto il nord Italia a rischio aflatossina

Latte contaminato: Tutto il nord Italia a rischio aflatossina

45
0
SHARE
Roma – 25 sett.  Spazioconsumatori.tv continua ad occuparsi della vicenda del latte contaminato da aflatossina, una pericolosa imagessostanza cancerogena. A distanza di oltre tre mesi, lo scandalo che ha travolto il consorzio friulano Cospalat continua a creare sgomento. Non solo per la gravità delle accuse, quanto piuttosto perché questa vicenda ha riacceso il sempre attuale dibattito sulla efficacia dei controlli alimentari. La questione è particolarmente complessa e trattata da molteplici punti di vista. È per questo motivo che Andrea Zanoni, Eurodeputato (Alde), ha rivolto un’interrogazione alla Commissione Europea sulla vicenda. Spazioconsumatori.tv lo ha intervistato scoprendo un punto di vista molto interessante. L’Eurodeputato racconta innanzitutto di aver chiesto alla Commissione Europea se esiste un monitoraggio del fenomeno della commercializzazione dei prodotti che contengono tale pericolosa tossina. Qui la questione si fa particolarmente interessante: “La Commissione è molto attenta ai danni causati dai cambiamenti climatici – dichiara Andrea Zanoni – Il fenomeno dell’aflatossina si è verificato soprattutto perché si è verificata una stagione molto arida che ha portato alla produzione di ingenti quantità di mais con la presenza della granella di questa tossina. Questo sicuramente è un campanello di allarme anche per la questione climatica. Tutto ciò ha ripercussioni molto importanti su tutta la catena alimentare e sui prodotti caseari”. Insomma, siamo di fronte ad un grave allarme climatico. Cosa pensano di fare a tal proposito gli organi competenti? Come arginare una situazione che può provocare danni così ingenti alla sicurezza alimentare? Un’altra domanda risulta di sostanziale importanza: Le autorità stanno effettuando tutti i controlli necessari? Tale quesito è molto preoccupante, visto che – continua l’Eurodeputato – “Il fenomeno dell’aflatossina si è verificato in tutto il Nord Italia e noi sappiamo che regioni come il Veneto e l’Emilia Romagna producono molto più mais. Quello che auspico è che vengano fatte dalle autorità delle attività di monitoraggio anche nelle altre regioni, perché questi episodi purtroppo vengono riscontrati, a volte, anche in modo fortuito in seguito controlli fatti a spot”. Risulta palese, a questo punto, l’estrema necessità di una maggiore quantità di controlli in tutte le regioni del Nord Italia. Solo in questo modo sarà possibile scongiurare i possibili rischi per la salute dei cittadini. Per vedere il servizio completo Latte contaminato da aflatossina: “Tutto il Nord Italia è a rischio” è possibile cliccare qui o collegarsi al sito www.spazioconsumatori.tv.
Fonte Agenzia stampa PPN

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here