Home Lifestyle L’Alba o il tramonto degli oligarchi russi…

L’Alba o il tramonto degli oligarchi russi…

107
0
SHARE
Rublevka
Abramovic
Berezovskij
Deripaska
Potanin

Sono passati più di quindici anni da quando i russi hanno fatto il loro ingresso nella classifica dei miliardari. Hanno cosrtuito la loro fortuna dul petrolio e sui legami con il Cremlino. Ma oggi molti preferiscono investire all’estero. In quindici anni il numero dei miliardari russi nella classifica mondiale è cresciuto di solo sei persone, fino a 1996, ma il loro patrimonio complessivo è balzato da 9,3 a 376 miliardi di dollari. Nel 1997 i miliardari russi erano appena l’1,78 % dell’elite economica mondiale, mentre oggi sono quasi l’8 %.  A livello qualitativo invece le cose sono molro più complesse. Nel 1997 il primo riccone russo era il padrino del Cremlino, Boris Berezovskij.

Rublevka

Con un patrimonio di tre miliardi occupava 104° posto della classifica mondiale, ma oggi vive nel Regno Unito e non fa più parte della prestigiosa classifica. Del primo elenco di miliardari russi hanno conservato il loro status solo Vagit Alekperov, il maggiore azionista della Lukoil e Vladimir Potanin, il capo di Norilsk Nikel. Loro sono riusciti a ricostruire il loro patrimonio dopo il fallimento dello stato russo nel 1998. che aveva cancellato tutti russi dalla classifica mondiale. Nel 2001 gli effetti della ripresa dell’economia russa sono fatti sentire…. e otto russi sono entrati nel club mondiale dei miliardari.
Gli anni d’oro in Russia sono stati dal 2000 al 2008, quando il prezzo del petrolio è volato da 25 a 146 dollari al barile. Un periodo di crescita senza freni, gli anni del Chelsea, di Abramovic e del suo yacht Eclipse. Ma le cose belle, si sa, durano poco… Nel 2008 Oleg Deripaska è diventato uno dei dieci uomini d’affari più ricchi del pianeta. Forbes ha valutato il suo patrimonio in 28 miliardi di dollari. E da allora nessun russo è riuscito a superare questa soglia. Lui è stato anche il primo oligarca russo a rivolgersi al Cremlino quando il suo impero industriale era sull’orlo del fallimento a causa di un debito di oltre 20 miliardi di dollari.
Dopo Deripaska si sono inchinati di fronte alle autorità quasi tutti i russi che figuravano nella classifica di Forbes, ricevendo un “sostegno tempestivo” per salvare gli imperi imprenditoriali.

Rublevka

Tra il 2009 e il 2011 i miliardari russi presenti nella classifica globale sono raddoppiati ogni anno.
Ma è ancora troppo presto per strappare lo champagne. Molti esperti riscontrano i primi segni di un tramonto degli oligarchi russi. Il problema è che gli oligarchi non cercano più di diversificare le loro attività, soprattutto quando devono investire nel loro paese. Preferisco trasformare i loro beni in liquidità da spostare all’estero. Secondo la banca centrale, nel 2012 dalla Russia  sono fuggiti circa settanta miliardi di dollari. La maggior parte degli oligarchi è da tempo nel mondo degli affari, ma tra quelli che ne fanno ancora parte  evidentemente, si trova in una posizione invidiabile solo chi è riuscito a liberarsi del fardello delle attività in Russia.
Ci sono anche i segni visibili dell’inizio della fine di questa età dell’oro. Molti esperti del mercato immobiliare, per esempio, parlano di un tramontodella Rublyovka, uno dei luoghi esclusivi e costosi di Mosca, dove gli esponenti della nomenklatura sovietica costruivano le loro dace, che oggi è più morta che viva. I primi abitanti della Rublyovka che per un motivo o per l’altro avevano trasferito la loro residenza altrove erano stati subito sostituitidalla nuova generazione dell’élite nazionale, mentre oggi non si trova un nuovo acquirente neanche a cercarlo. E questo non perché la zona sia passata di moda, ma semplicemente perché il rischio di possedere una proprietà costosa in Russia ha cominciato a superare il profitto che assicura.

Yulia Shesternikova

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here