Home Bellessere Il professor Berrino condanna i cibi spazzatura:stiamo mangiando “merda”

Il professor Berrino condanna i cibi spazzatura:stiamo mangiando “merda”

226
0
SHARE

Franco Berrino (Fornovo di Taro, 30 aprile 1944) è un oncologo italiano.
Laureatosi in medicina e chirurgia magna cum laude all’università di Torino nel 1969 e specializzatosi in anatomia patologica, si è poi dedicato principalmente all’epidemiologia dei tumori. Dal 1975 lavora all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, dove dal 2002 dirige il Dipartimento di medicina preventiva e predittiva.
Autore di centinaia di pubblicazioni scientifiche, è stato uno dei pochi ricercatori italiani chiamati a collaborare al Food, nutrition, physical activity and the prevention of cancer, pubblicato nel 2007 dal World Cancer Research Fund. Suoi progetti particolarmente significativi sono quello italiano per lo sviluppo dei registri tumori e quelli europei sulla sopravvivenza dei malati neoplastici nei diversi paesi (progetto EUROCARE) e sulla prevenzione del cancro al seno e delle sue recidive(progetto DIANA), frutto della collaborazione tra l’Istituto Nazionale dei Tumori e l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano.

È un convinto assertore dell’utilità di una dieta “corretta” per evitare l’insorgere del cancro,  tesi spesso illustrata nei suoi libri e nei suoi frequenti articoli sui principali quotidiani italiani

Vi posto questo interessantissimo spezzone riguardante il latte vaccino tratto da alcune “Domande e risposte” poste al prof. Berrino.
Sul latte vaccino se ne sono dette e se ne continuano a dire davvero molte,tuttavia in pochi minuti il prof. Berrino ci spiega semplicemente cosa è bene fare e quali potrebbero essere i rischi.
Il mito da sfatare è che il latte non fa assolutamente bene alle ossa mala cosa assolutamente importante da sapere è che il latte aumenta i fattori di crescita,quindi le nuove generazioni che assumono latte sono più alte…farà anche bene? Guardate il video!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here