Home Evidenza Freedom Flotilla contro l’assedio e l’occupazione sionista

Freedom Flotilla contro l’assedio e l’occupazione sionista

137
0
SHARE

La Estelle ha preso il mare: è iniziata la nuova azione della solidarietà internazionale con la lotta del popolo palestinese contro l’assedio e l’occupazione sionista. Nei prossimi giorni, i primi appuntamenti in Italia.
Un ricco programma di eventi ci aspetta quando il veliero di Ship to Gaza
Estelle arriverà oggi ad Holmsund, il porto di Umeå nel nord della Svezia.
Giovedi 31 maggio ricorre il secondo anniversario del violento attacco dei commandos israeliani alla prima Freedom Flotilla. Nove persone vennero uccise, uno è ancora in coma, e circa 50 rimasero ferite. L’attacco suscitò un’ondata di sdegno in tutto il mondo e portò ad una crisi diplomatica tra Israele e Turchia. Le conseguenze legali di questo atto di pirateria sono ancora lontane da venire. La tempesta delle critiche ha portato ad un certo alleggerimento dell’assedio disumano, illegale e distruttivo.
I nostri pensieri sono oggi con gli uccisi e le loro famiglie. Noi non dimentichiamo e celebriamo la loro memoria con un minuto di silenzio. I loro nomi: Çetin Topçuoglu, Ibrahim Bilgen, Ali Haydar Bengi, Cevdet Kiliçlar, Fahri Yaldiz, Necdet Yildrum, Cengiz Songür, Cengiz Akyuz e Furkan Doan.
Ma i nostri pensieri sono anche per il popolo assediato di Gaza. Fra pochi giorni, l’assedio entrerà nel sesto anno. Più di 250.000 bambini di bambini sono nati sotto questa assurda prigionia, che non è servita nemmeno per il suo scopo dichiarato: dare sicurezza ad Israele e ad i suoi cittadini. Al contrario, sempre più persone iniziano a capire che l’assedio è il primo ostacolo ad uno sviluppo verso una pace giusta e sostenibile. Non sicurezza, ma solo amarezza e violenza saranno generati dalla negazione alle persone dei diritti umani e della possibilità di guadagnarsi da vivere.
Per questo motivo stiamo facendo un nuovo sforzo per porre fine all’assedio. Lo facciamo navigando a vela per tutta la strada tra Umeå, nel nord della Svezia, e Gaza, percorrendo una distanza di 5000 miglia nautiche. Nei porti del nostro viaggio ci saranno dibattiti, concerti ed eventi popolari. Ma questo non è un viaggio di piacere. E non è senza rischi sfidare uno dei più potenti apparati militari del mondo. Lo scorso anno, due barche della Freedom Flotilla furono sabotate nei porti greci e turchi, e le forze navali israeliane hanno intercettato con la forza altre tre imbarcazioni.
Con la nostra azione stiamo inviando un chiaro segnale alla comunità internazionale, che proclama il suo impegno per i diritti umani e il diritto internazionale, ma che è paralizzata quando si tratta di intervenire contro le palese violazioni di questi da parte di Israele. Stiamo anche lanciando un messaggio di speranza per i Palestinesi assediati a Gaza: voi non siete soli. Il mondo non ha dimenticato. Uniamo le nostre forze, e l’assedio finirà.

Ship to Gaza-Svezia
www.shiptogaza.se
Portavoce:
Dror Feiler: +46 702855777
Mattias Gardell: +46 703036666
Ann Ighe: +46 709740739
Victoria Strand + 46 727356564
Media Co-ordinator:
Mikael Löfgren: +46 707983643
media@shiptogaza.se

Yulia Shesternikova     Ship to Gaza Svezia

Fonte: Freedom Flotilla

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here