Home Lifestyle Fashion Talent Mad Mood ha incoronato una griffe pugliese di JulianKeen

Fashion Talent Mad Mood ha incoronato una griffe pugliese di JulianKeen

1762
0
SHARE

Il Fashion Talent Mad Mood ha chiuso la sua tre giorni milanese incoronando una griffe pugliese, quella di JulianKeen
Miceli:  “ Un edizione per nulla banale che ha incantato gli ospiti di Mad Mood Milano Fashion Week”
Si è conclusa la quarta edizione di Mad Mood Milano Fashion Week  un progetto nato dall’idea di Marianna Miceli.
Mad Mood è stato ospitato nei giorni 22-23-24 settembre 2019 all’interno di Palazzo Turati, edificio di puro gusto neorinascimentale il cui cortile è stato il  palcoscenico di oltre 44  sfilate di designer nazionali e internazionali. La suggestiva ed evocativa location ha fatto   risaltare le collezioni spring-summer 2019 e  ha catapultato  il pubblico in un mondo surreale. Tania Mazzoleni ( Art Director per Mad Mood) ha realizzato  nel cortile del Palazzo una MAD LAND  con un  equilibrio basato su piccole interferenze e presenze tra le quali un David di 3m di altezza logorato da muschi e vegetazione e cinque personaggi in cerca di pubblico. I cinque personaggi sono stati realizzati  dalle mani esperte e felicemente sporche di colore dell’artista e creativa Paola De Ponti che, grazie al suo talento nell’utilizzare materiali inusuali come cemento, metalli, resine, polvere di vetro, ha dato vita a cinque manichini di  Mäder International. Il micro cosmo realizzato si è sviluppato  su piccoli spot di verde sapientemente disegnati da Vaprio Zanoni, – dove il design ha incontrato la cultura in materia agronomica e botanica – ha progettato  piccole oasi che hanno fatto  da quinta allo spettacolo. L’eco-design ha  popolato  il cortile grazie all’effetto dei complementi che sembravanono ricoperti di petali. Dal bianco al rosso passando per il fucsia ed il grigio perla nella parte centrale del cortile, fino ad arrivare ad angoli monocromi nelle zone perimetrali dove il design è stato  supportato dalle creazioni luminose della Light designer Adriana Lohmann che con l’eleganza della sua arte ha reso  unico ogni ambiente.
Tanti nuovi talenti sulla passerella ideata da Marianna Miceli, founder di Mad Mood e talent scout in giro per il mondo: “Siamo Tornati con tante novità in questa nuova edizione che fa spazio a nuovi talenti.  In questa   edizione con orgoglio la Genialità di Dimitar Dradi  che con la sua collezione oltraggiosa, impertinente  e che schiaffeggia  la banalità ha provocato le menti più assopite della moda in Italia  e la Stravaganza del Brand  dal mood Pop Disbanded di Tania Mazzoleni.”.
Il brand ha presentato una collezione SS19 dal titolo Off-duty Icons – Icone fuori servizio,  una Fashion Art Collection ispirata alle Icone delle favole e alle eroine contemporanee raccontate in chiave ironica grazie all’intervento artistico e grafico di rielaborazione delle opere dell’artista Sara Digiovanni, Graphic e Art Director del brand.
Cenerentola, Biancaneve, Alice, passando per Wonder Woman, danno forfait e si dichiarano fuori servizio! Lo Status di Single non prevede nessuna principessa in attesa del Principe Azzurro ed il mito della donna Wonder lascia spazio alla possibilità di non dovere essere sempre all’altezza con la chance di potersi definitivamente sposare con se stesse.
Partendo dal movimento dei quirkyalone americani, per i quali trovare o meno l’anima gemella non è una questione primaria, si diventa icone di se stesse con la libertà di un Mix&Match inedito tra capi giocosi ma fortemente femminili.
Il brand Disbanded nasce dall’incontro di un’artista, Sara Digiovanni, e di una creativa, Tania Mazzoleni.
Nate sotto il segno dei pesci, hanno deciso di nuotare verso la stessa direzione e di unire le loro diverse esperienze lavorative per creare una linea di abbigliamento rappresentata da un mood pop.
Dalle opere d’arte ai particolari rielaborati con il lavoro grafico, il brand realizza tessuti con stampe originali caratterizzate da colori intensi e soggetti ad alto contenuto ironico.
Totalmente Made in Italy per creatività e manifattura, Disbanded ha un allure internazionale con pezzi dalle linee semplici ma di grande carattere dove anche la t-shirt, svincolata dalla sua accezione casual, diventa protagonista e dispensatrice di messaggi semi-seri.
Una Pop Collection per chi ama essere funny indossando e diventando un’opera d’arte.
Il format, nato per parlare della Puglia al mondo attraverso l’alfabeto della moda ha varcato le frontiere confermandosi una vetrina internazionale che valorizza la creatività e la sartorialità della moda italiana. Alla sua quarta edizione con un’ambasciatrice d’eccezione l’attrice  Patrizia Pellegrino,  in passerella brand  internazionali: Cina, Serbia, Kazakistan, Romania, Ucraina, serbia, Germania, Polonia, Francia e India. Ogni anno esporta designer italiani alle fashion week straniere offrendo loro una passerella internazionale sotto i riflettori dei media e degli addetti al settore della moda.
Le sfilate sono state  suddivise in tre giorni   all’interno dei quali le collezioni si sono susseguite senza pause in modo tale da riuscire a paragonare le une con le altre notando le differenze stilistiche dei vari brand.
Sabato 22 Settembre  hanno aperto il Fashion Lab i colori di  Claudio Greco, Alina Celi e Isabella di Matteo, la stravaganza di Agatha Ruiz de la Prada, la collettiva di designer Calabresi di Art Fabrique, la tradizione e la cultura del Brand Anor Atelier dall’Uzbekistan  e hanno concluso Agnes Wuyam dalla Francia, Yihua Wang dalla Cina con una collezione Rosso Passione, Aidar Khan dal Kazakistan che ha presentato una collezione Total White ma intrigante e sensuale  e Ocantos dall’Argentina.
Domenica 23 Settembre hanno sfilato la genialità di Dimitar Dradi, l’originalità di Disbanded,e  la ricercatezza di Dalì Couture e Fedra. Nel pomeriggio poi  ben 10 Designer internazionali quali Mo.Ya, Yulia Fedetska, Klaudia Markiewcz, Keshte, Izi, Fahriya Khalafova, Rockmadchen, Kaya By Karo,  Magdalena Kurnicka,  Seta&Luna. In questa giornata ha stupito e incantato il giovane Designer Dimitar Dradi stilista di origini bulgare, ma da anni in Italia. Oltraggiosa, impertinente e che schiaffeggia la banalità, la collezione di Dimitar Dradi torna a provocare le menti più assopite della moda in Italia. “Superare il Disagio” come lui stesso dichiara è uno dei suoi obiettivi ; ma anche superare la paura, quella stessa paura che molte persone incontrano ogni volta che si trovano di fronte al “diverso” e non solo per il colore della pelle, o la religione, o il modo di pensare, di essere o come anche per l’orientamento sessuale o per il pensiero politico. Vuole dunque superare quelle stesse fobie che ci blindano e che non ci fanno scoprire quanto siamo ricchi dentro. Un messaggio profondo quello che Dradi sottende alle sue creazioni che si preannunciano invece dal punto di vista creativo un vero richiamo sexy per tutte le donne che le vorranno indossare. Un amore estremo quello di Dimitar che ci spinge oltre i confini creativi dai connotati del tutto originali. Ancora più sorprendenti saranno i prezzi che non sono ancora stati svelati ma si sa già che non saranno popolari ed anche che le modalità di vendita saranno anch’esse esclusive (si parla di pochissimi fashion party esclusivi in location internazionali)

Lunedì 24 settembre è stato il giorno dedicato al talent con  una commissione costituita dalla nota Patrizia Pellegrino, dalla Direttrice Arnaldi  e dalla Modellista Colombo della Rivista La Mia Boutique  e  presieduto dal Cav. Mario Boselli, presidente onorario della camera della moda, al quale hanno  partecipato  ben 15 designer:Alessandro Franza, Wow, Dominiak, Natasa Zupac, Pagandry, Sandy Aman,  Vanè, Carmen Clemente, Istituto Codella, Accademia Calcagnile, Rosso Rame, Jenny Monsellato , Juliankee, damaè gioielli e Salvatore Caputo Shoes. Svetlana Horvat presidente della Serbia Fashion Week  ha premiato con un riconoscimento internazionale il Brand Vanè  di Vanessa Macchia, mentre all’unanimità con la commissione il Cav. Boselli ha  premiato Juliankeen e ha
attribuito una menzione speciale all’Istituto Cordella che ha presentato una collezione ispirata alla Divina Commedia dicendo “Complimenti, avete fatto un gran lavoro, grande manualità”.
La collezione di Juliankeen è un tuffo nel Mediterraneo, fondali marini, campi disseminati di piante e fichi d’india, ippocampi che inseguono le stelle marine. Palette di Colori che partono dal più tenue , sino ad esplodere nelle tonalità più accese, il celeste polvere diventa azzurro, il rosa si spegne nel rosso Cina, pennellate di giallo lime e viola formano un calendoscopio avvincente, colorando l’estate in varie sfumature. Abiti leggeri, ricamati e stampati che rendono  la donna che veste Juliankeen protagonista dell’estate 2019.
Meritevole di attenzione anche la collezione Rossorame che nella collezione primavera-estate 19si rilegge l’energia vibrante della New York di inizi anni 80, di Grace Jones, Jerry Hall e Bianca Jagger. Un’epoca storica che ha segnato la moda di quegli anni reinterpretata in un gioco di linee fascianti dai vibranti colori delle luci neon come il blu eletrico, il verde metallico, il fucsia e il color rame caratterizzando, così, l’intera collezione.
A rendere tutte le sfilate, perfettamente originali  e complete  per dettare i trend della prossima primavera estate anche Hair Look inaspettati e sorprendenti, quelli realizzati dal Team di Officina Paar di Roberta Apos.  Dal Rock Billy per RossoRame alle acconciature eleganti con un tocco di Glam ed Artistico per Dalì Couture alle teste super spettinate e di rottura , interpretando l’omaggio a Carmelo Bene per l’Accademia Calcagnile. Roberta Apos “ Il nuovo è un mix di retrò e glam ma disinvolto, importante la texture e la finitura  ottenuta solo grazie ai Prodotti Monacelli Italy, e poi in questa edizione Dimitar Dradi ci ha fatto divertire con la sua genialità e sregolatezza  e noi abbiamo esattemente espresso la massima artisticità”.
Non solo Hair Look ma in questa edizione di Mad Mood anche studio di Make up  che creano un effetto di continuità con le stoffe e le fantasie utilizzate. La collezione di Tania Mazzoleni, titolare del neo-brand presentato a Mad Mood, è stato un  tripudio POP di una vastissima gamma di colori super vividi dove il rosso è diventato  il “trend union” e ispirato Valeria Orlando trasformando le modelle  in regine di cuori di “Alice in Wonderland”,fiabesche e giocose. Il Team Vor di Valeria Orlando ha completato  ogni outfit con un make up super trend utilizzando anche i prodotti B-Selfie. Per Disbanded è stata usata  una  Matita Red n° 4 in versione warmed up aiutata con un lighter che  ha permesso  al colore di sciogliersi e diventare un super rosso in crema ad alta definizione, con cui Valeria ha ricreato una precisissima cutcrease per la palpebra ed impreziosito la rima ciliare inferiore di un pois rosso al centro della linea inferiore, arricchita da ciglia che formano 4 /5 piccoli ventagli, in maniera regolare. Per le labbra due tonalità di rossetti solo nella parte centrale quasi a ricreare un cuore stilizzato, presente anche a livello grafico in diversi outfit della collezione presentata.Andrea Biandrino per 1channel

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here