Home Evidenza EXPO 2015: gli incontri con la Regina della cucina qatariana

EXPO 2015: gli incontri con la Regina della cucina qatariana

100
0
SHARE
Chef Aisha al-Tamimi

OKQatar_PavilionLo Stato del Qatar partecipa all’Esposizione Universale di Milano al fine di rafforzare la propria presenza a livello mondiale come una “knowledge based economy”, senza dimenticare le sue radici culturali e passato.
Il Qatar è impegnato nella costruzione di una cultura di “vita sana” attraverso la promozione dello sport e della ricerca scientifica per la gestione responsabile delle risorse idriche, preziose per la sua terra.
L’innovazione e la ricerca per la sicurezza alimentare, la sanità e la nutrizione sono dunque al centro delle attività programmate dal Padiglione del Qatar in Expo. Gli ospiti sino ad ottobre verranno   coinvolti su questi argomenti grazie allo sport, il patrimonio culturale del Paese, l’educazione e, naturalmente, l’innovazione e la tecnologia.
In linea con il tema principale di Expo, e grazie all’attenzione riservata dal Qatar alle tradizioni culinarie, Chef Aisha al-Tamimi realizzando un training ad hoc si sta occupando della formazione dei dipendenti del ristorante Sidra, dove i visitatori possono provare i piatti tipici del Paese, visibili all’interno della sezione del Padiglione “Vieni a scoprire il nostro Sofra”, dove si può giocare con i cibi tipici della tradizione attraverso un tavolo interattivo.

Chef Aisha al-Tamimi
Chef Aisha al-Tamimi

La sensibilità del Qatar nei confronti della tradizione e delle radici culturali è inoltre espressa nel nome del ristorante “Sidra”, che riporta l’albero Sidra, simbolo iconico dell’eredità culturale del Paese. L’albero Sidra cresce da generazioni nel deserto qataro. Con le sue radici che affondano profondamente nel terreno, i frutti e i fiori nutrienti e le foglie con proprietà curative, Sidra è diventato un punto di riferimento per il comfort nelle aride zone desertiche, consentendo una vita florida. Sidra ha sempre fornito ombra e riparo ai viaggiatori e intellettuali, che si riunivano per sfuggire al caldo del deserto e per raccogliere e condividere le conoscenze.
Il Comitato del Padiglione Qatar ha inoltre organizzato uno showcooking con la Chef Aisha per diffondere la consapevolezza sul cibo del Qatar e sulle ricette tradizionali, attraverso la creazione di piatti dal sapore locale, e per esplorare le tradizioni e le influenze della cucina qatare, con ricette come il Marguga, un delizioso piatto di “pasta” qatara con verdure e il Mashbuss, un piatto di riso con pollo e spezie.
Il cibo in Qatar rispecchia le preferenze musulmane ed è arricchito dalle influenze africane, indiane e iraniane, offrendo però sapori anche moderni e internazionali.
Le ricette si basano dunque su ingredienti semplici e gustosi ma uniti in maniera intelligente, grazie appunto alle influenze dei paesi confinanti.

Redazione online

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here