Home Best Chef Il Due Camini di Borgo Egnazia è la novità dell’anno

Il Due Camini di Borgo Egnazia è la novità dell’anno

107
0
SHARE

Il ristorante Due Camini è tra i protagonisti della Guida Espresso dei ristoranti 2018: lo spazio gourmet di Borgo Egnazia è infatti la “Novità dell’anno” per la quarantesima edizione dell’autorevole guida diretta da Enzo Vizzari. Un risultato entusiasmante per la destinazione pugliese, che vede così riconosciuto il suo impegno nella valorizzazione del patrimonio enogastronomico locale, nella reinterpretazione della più classica tradizione culinaria pugliese e nel coinvolgimento dei migliori produttori del territorio. Un risultato che premia la scelta di richiamare nella “sua” terra un giovane talento pugliese: Domingo Schingaro, da due anni executive chef del Due Camini e coordinatore di tutta l’offerta food di Borgo Egnazia insieme al “coach” Andrea Ribaldone (chef dell’Osteria Arborina di La Morra, nelle Langhe), a sua volta premiato come “Miglior performance dell’anno” per il suo ristorante piemontese.
“Questo riconoscimento rappresenta sicuramente un passaggio importante per il ristorante Due Camini e per tutto il progetto di sviluppo delle esperienze enogastronomiche di Borgo Egnazia. È il frutto dell’impegno e del lavoro di tutto il team: una giovane brigata piena di entusiasmo e una appassionata squadra in sala guidata da Donato Marzolla. Il nostro obiettivo è sempre stato di divenire un punto di riferimento sul territorio, una meta anche per chi è alla ricerca dell’arte culinaria pugliese nella sua espressione più creativa. Per me l’emozione è tanta ed è ancora più grande perché questo premio arriva per il lavoro svolto in Puglia, dove sono tornato dopo 12 anni per seguire il progetto di Borgo Egnazia”, ha aggiunto l’executive chef Domingo Schingaro.

Si tratta di un premio importante, che esalta il talento emergente dello chef e il lavoro fatto nelle cucine di Borgo Egnazia, in una costante ricerca dell’autenticità e della stretta connessione con il territorio, come vuole la filosofia di questo luogo immerso nella natura pugliese.

“Sono orgoglioso di questo risultato e di tutto il lavoro svolto fino ad oggi. Per questo ringrazio Andrea Ribaldone, Domingo Schingaro e tutto il team di Borgo Egnazia. L’ingresso in questa prestigiosa guida è un’attestazione importante del lavoro fatto fino ad oggi ed è soprattutto un nuovo punto di partenza per continuare ad impegnarci nello sviluppo della cultura enogastronomica pugliese, che parte da una profonda tradizione e che è oggi animata da una brillante visione innovativa”, ha dichiarato Aldo Melpignano, managing director di Borgo Egnazia.

Biografia dello chef
Classe 1980, barese, Domenico Schingaro è arrivato nelle cucine di Borgo Egnazia all’inizio del 2016 – forte di esperienze all’estero (Hotel Grosvenor House a Londra), in Italia (I Due Buoi ad Alessandria) e a Expo 2015 (resident chef del ristorante Identità Expo).

Redazione online

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here