Home Evidenza Declino del dominio americano

Declino del dominio americano

82
0
SHARE

Il famoso politologo americano Zbigniew Brzezinski ha constatato la fine dell’egemonia globale degli USA. Ciò nonostante l’America continua a lottare per la supremazia mondiale, usando pero’ dei metodi nuovi. Dmitry Suslov del Consiglio per la politica estera e militare, che noi abbiamo intervistato, ha rilevato che le casue fondamentali che hanno portato al crollo del dominio americano, sono due.3224056742_8463b09018_b

La prima riguarda il processo di ridistribuzione degli equilibri plitici, economici e militari, iniziato negli anni Duemila e dovuto alla comparsa di nuovi centri di forza e alla rinascita di alcuni centri vecchi.

Hanno cominciato a svilupparsi rapidamente i paesi come Cina, India, Brasile, Turchia, Russia. Di conseguenza crescevano anche le loro possibilita’ nel settore militare, ma anche nel campo politico e diplomatico. La seconda e principale causa e’ che gli USA hanno commesso una serie lunghissima di errori. Hanno provato a trasformare l’egemonia dei tempi di Clinton, di tipo soft, in egemonia di tipo rigido. Tuttavia cio’ e’ servito solo per accelerare il declino.

L’attuale presidente americano, Barack Obama, ha riconosciuto la multipolarita’ del mondo e la necessita’ di prendere in considerazione gli interessi degli altri attori della politica internazionale. Lo dimostra il fatto che gli USA seguono i cambiamenti nel mondo. Secondo gli esperti, pero’, e’ ancora prematuro parlare del declino della leadership americana.

D’altro canto, esiste un altro fattore cruciale che rende in gran parte inefficienti gli sforzi degli USA miranti a mantenere la loro supremazia. Si tratta del fenomeno che Dmitry Suslov ha definito come “diffusione mondiale della forza”. La globalizzazione conduce alla distribuzione della forza tra una moltitudine di attori, sia statali che non. A quest’ultima categoria appartengono, per esempio, le organizzazioni terroristiche che oggi hanno possibilita’ che nel passato avevano soltanto gli Stati.

Nikita Sorokin di “La voce della Russia”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here