Home Best Chef Davide Valerio premiato dal Gambero Rosso come miglior sommelier per la carta...

Davide Valerio premiato dal Gambero Rosso come miglior sommelier per la carta di Trento Doc

236
0
SHARE

Davide Valerio è stato premiato per la miglior carta di Trento Doc in Italia. Il sommelier del ristorante Unico, classe 84, ha in carta 13 etichette di vino che spazia dal Trentino all’Alto Adige. “Ci piace il metodo classico di alta montagna e per questo abbiamo deciso di dare un bello spazio nella carta a vini che sono caratterizzati da buona acidità e freschezza” racconta Davide Valerio, che dedica questo riconoscimento ai ragazzi di sala. “Mi piace essere molto democratico con il personale di sala, assaggiamo insieme tutti i vini”. Dopo le esperienze al Water Side Inn, 3 stelle Michelin e sommelier, ogni giovedì sera della Regina Elisabetta , Davide Valerio si conferma un’ottima colonna portante di Unico Milano.

Il ristorante
Ci si trova, dopo una velocissima ascesa nell’ascensore a vetri, al XX piano della WJC Tower, nuova costruzione del quartiere Portello, a poca distanza dal futuristico City Life. E’ il ristorante più alto d’Italia e appena si entra lo sguardo spazia sull’intero skyline di Milano, per un panorama a 360 gradi sulla città meneghina, con il sole allo zenit per il pranzo e un romantico tramonto per la cena.

Lo chef Fabrizio Ferrari:
Da aprile 2016 Fabrizio Ferrari è l’executive chef del ristorante Unico e propone una cucina legata al territorio e “al cibo perduto, ai sapori radicati nella nostra memoria più profonda e trasformati in piatti dal carattere deciso e contemporaneo” racconta lo chef. Stella Michelin dal 2010 al 2013 al ristorante Roof Garden di Bergamo, poi diverse esperienze in Francia, che lo formano ulteriormente e l’esperienza alla guida della Terrazza Triennale Osteria con Vista come executive chef.

“Amo andare alla ricerca dei prodotti ancora poco utilizzati della mia terra, il pavese, scegliendo materie prime da piccoli produttori locali di alta qualità. Ingredienti considerati poveri ma che offrono grandi emozioni, dalla forte personalità”.  E dove coglie spunto per la sua cucina? “Ogni viaggio, ogni memoria ha creato un bagaglio di esperienze, profumi, colori e sapori che voglio proporre nella mia cucina, un fil rouge che dalle radici della più povera tradizione lombarda approdano ai sapori lontani d’oriente”.  Fabrizio Ferrari propone piatti di sostanza, con slanci di leggerezza in grado di rendere accattivanti gli accostamenti – anche inusuali – di aromi, sapori e consistenze. Piatti strutturalmente complessi, ma semplici da comprendere, che all’assaggio risvegliano ricordi ed emozioni sopiti.

Le proposte:

Il Brunch:
Il brunch/ pranzo della domenica è servito su un monolite di design bianco che abbraccia tutta la sala. Il menu è a buffet servito con isole dedicate al pesce, carne, formaggi selezionati, pane fatto in casa e verdure, oltre a una proposta di primo e secondo dello chef Fabrizio Ferrari, con tante particolarità regionali che cambiano stagionalmente: il costo comprensivo di bevande è di 55 euro. Il percorso termina in cucina con il buffet dei dolci del pastry chef Beppe Allegretta, già membro di Pass121 con oltre quaranta proposte tra mignon, torte e monoporzioni.

Il menu degustazione più costoso di Milano: UNICO a 200 euro a testa
Oltre all’ampio menu à la carte il ristorante propone cinque menu degustazione, tra cui il menu UNICO studiato per i golosi più impenitenti: dall’antipasto Skiaffo del mare,(Caviale su spuma di crema d’uovo di Selva e plancton vegetale, riccio di mare e ostrica) al Carnaroli Autentico e lupicante in brodetto di paprika affumicata continuando con Quadrato magico (Polpo caramellato all’aceto rosso, ricciola all’aglio nero a 40°,seppia cruda in tartare al cacio e peperoncino, triglia alla livornese, capasanta cotta a 40° con polvere di lime) continuando poi con Cervo, cioccolato, tartufo nero e per finire con Pane oro e vino, un dessert con polvere di vino, bisquit paradiso, cremoso di pere, gel al pinot nero, cialda di pane, crumble bianco sorbetto al barolo chinato e foglia d’oro dello chef pasticcere Beppe Allegretta.

I menu degustazione della cena:
Ampia l’offerta che spazia dal menu degustazione più innovativo al tipico milanese. Col coeur in man,  4 portate a 70 euro. Vitto Pitagorico ovvero un’offerta flexitariana (piatti vegetariani che, a richiesta, possono diventare vegani per andare incontro alle esigenze alimentari dell’eterogenea clientela di Unico Milano) 4 portate a 80 euro;  Bassa Padana, 5 portate a 110 euro, con tutte le tipicità del pavese e della generosa pianura Padana; Brand New, 5 portate a 140 euro, con i piatti più originali e le ultime creazioni dello Chef.
www.unicorestaurant.it/menu/degustazione/

I dessert e Beppe Allegretta:
Anche la pasticceria  ricopre un ruolo molto importante da Unico Milano, interpretata magistralmente dal pastry chef Beppe Allegretta. Dopo aver lavorato per l’Etoile di Chioggia, Emanuele Saracino, Aimo e Nadia e Roberto Rinaldini, collabora con il Refettorio Ambrosiano di Bottura, Alain Ducasse, i fratelli Roca, Daniel Patterson. I suoi punti di forza, che si traspongono interamente nei dessert sono l’ordine, la precisione, la pulizia estetica e gustativa. Tra i suoi cavalli di battaglia il Tiramisù Unico, Tributo a Milano e Pensando a una cassata. Per i golosi la degustazione di quattro dolci è d’obbligo: 25 euro per il percorso a mano libera di mini dessert nominato “Only the Brave”. Beppe Allegretta è fondatore del gruppo Pass121, acronimo di Passione, Alchimia, Scienza, Sogno che unisce i migliori pasticceri da ristorazione d’Italia.
Orari:
Pranzo
da Lunedì a Venerdì
dalle 12.30 alle 14.30
Brunch 
Domenica
dalle 12.00 alle 14.00 1°turno
dalle 14.00 alle 16.00 2° turno
Cena Gourmet
da Lunedì a Domenica
dalle 19.30 alle 23.00
Contatti:
Viale Achille Papa 30,
20149, Milano (MI)
Tel.+39 02 39214847
info@unicorestaurant.it

Redazione online

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here