Home Best Chef Dalle Dolomiti alla costa toscana

Dalle Dolomiti alla costa toscana

207
0
SHARE

Lo Chef Stefano TabacchiL’Hotel & Resort Riva del Sole a Castiglione della Pescaia (Gr) riaprirà le porte ai suoi ospiti il prossimo 15 aprile e per la nuova stagione sceglie un Executive Chef di esperienza internazionale. La guida del ristorante è stata, infatti, affidata a Stefano Tabacchi originario di Pieve di Cadore, che porterà all’interno del gruppo turistico di origine svedese la sua competenza, consacrata da una lunga carriera tra Italia e Stati Uniti, passando per il Kenya e il Giappone.
Dopo gli esordi nei primi ristoranti italiani e la partecipazione a numerose competizioni, in cui ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti (Diplôme d’honneur art culinaire International, Primo assoluto al Campionato Italiano di Arte Culinaria e Premio Accademico di Cucina Eccellente), Tabacchi inizia la sua carriera all’estero, avviando alcuni tra i più importanti ristoranti italiani come il George & Ray a Tokyo che definisce “l’incarico più emozionante e coinvolgente avuto al di fuori dei confini nazionali”. Roullè di pasta filo con spaghetti di soya
Tra le esperienze più significative in Italia figurano sicuramente quella all’Hotel Splendide di Lugano e gli anni trascorsi nella Capitale, al Majestic di Roma e all’Hassler Villa Medici.
Dopo il ruolo di Executive Chef del prestigioso Hotel Cristallo di Cortina d’Ampezzo, Tabacchi ora arriva nel cuore della Maremma toscana per portare la sua cifra stilistica, caratterizzata da una base gastronomica franco-svizzera, che gli deriva dall’influenza della Scuola Alberghiera di Losanna, e da un’attenta selezione degli ingredienti abbinata a un aspetto coreografico dei piatti presentati. Caratteristica che negli anni ha portato lo Chef a partecipare a numerose trasmissioni televisive Rai come “Sereno variabile” , “Scacco Matto” e “Uno Mattina”, e ad essere intervistato dalle principali emittenti televisive, tra cui Canale 5, Italia 1 e Sky.
Tortino al cioccolato “I nostri ospiti – sottolinea Carlo Castelli, General Manager di Riva del Sole – provengono dai paesi del Nord Europa, oltre che ovviamente dall’Italia e desideriamo che anche la parte cucina sia di rilievo internazionale, nonché di alto livello per poter essere sempre all’altezza delle aspettative”.
Aspettative che saranno soddisfatte da una “cucina naturale, semplice ed emozionante”, come  la ama descrivere lo Chef, con un’attenzione ai migliori ingredienti e alla presentazione della portata che “deve essere seducente, lasciandone presagire il gusto”.  La sua arte culinaria darà vita a veri piatti d’autore, come il Roullè di pasta filo con spaghetti di soya, il Timballo variegato per vegetariani e il Tortino al cioccolato.
“Come sempre – conclude  Castelli – presteremo molta attenzione alla ristorazione in tutti i suoi aspetti, sia per i nostri ospiti interni alla struttura che per quelli esterni, conferendo ulteriore importanza all’accoglienza in sala, che è il valore aggiunto del ristorante, per garantire ai nostri ospiti i più elevati standard di servizio e gastronomici”.

Standard ottenuti anche grazie al rispetto di alcuni criteri come la riduzione del carbon impact,  la scelta dei migliori prodotti a Km zero, provenienti da aziende alimentari con materie prime eco-sostenibili certificate e l’uso di tovagliato biodegradabile.
Sin dalla sua costruzione, nel 1960 per volontà del gruppo svedese RESO come luogo di villeggiatura dei lavoratori svedesi e delle loro famiglie, la struttura è sempre stata, infatti, all’avanguardia per l’attenzione prestata all’eco-sostenibilità e al rispetto per l’ambiente. Criteri  propri della cultura nordica che l’Hotel & Resort Riva del Sole ha mantenuto inalterati, ma che nel tempo ha saputo fondere al meglio con l’accoglienza e i valori della tradizione toscana.

Redazione online

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here