Home Evidenza Clienti, cuochi al QKing con gusto dell’eleganza

Clienti, cuochi al QKing con gusto dell’eleganza

40
0
SHARE

I dilettanti si sfidano ai fornelli. E il 5 per cento degli incassi finisce in aiuti umanitari
A Milano, zona Bovisa, sbarca QKing Corestaurant, l’unico ristorante dove a cucinare sono i clienti. L’idea, gia’ sperimentata con successo a Firenze nella versione “Usodicucina”, è di Tommaso Colombini, 54 anni, imprenditore dal forte accento toscano col gusto dell’eleganza.

qkingforfun-940x380Già, perché QKing Corestaurant, 50 posti con una cucina professionale attrezzata di tutto punto, non e’ soltanto un locale in affitto a uso e consumo di appassionati di cucina, cuochi dilettanti, chef professionisti e aziende, ma e’ anche una location di grande finitura architettonica grazie al lavoro dello studio milanese di design Modourbano. Che ha dato vita a un ambiente elegante e raffinato adatto a una festa, a un evento, a una cena privata fra amici ma anche per organizzare corsi di cucina, team building, cene di lavoro e showroom.

Un locale, mille usi, dunque, dove non manca l’impegno solidale – altra grande novità – quello cioè di finanziare con il 5 per cento del ricavato aiuti umanitari e progetti di sviluppo attraverso Oxfam, Ngo di rilevanza mondiale.

“Ho preso spunto dall’idea di impresa sociale teorizzata dal premio Nobel Mohammed Yunus – spiega Colombini – per cercare di realizzare una rete di locali uniti dal marchio Corestaurant che al posto di pagare royalties a chicchessia dedichino strutturalmente alla solidarietà una parte dei ricavi. Se la cosa funzionerà – sottolinea Colombini –  potrebbe trattarsi del primo franchising che unisce un chiaro obiettivo imprenditoriale a un altro solidale”.

SCHEDA
QKing, il primo Corestaurant di Milano, è composto da:
Sala da pranzo da 50 posti, luminosa ed elegante ma adattabile agli eventi più diversi, anche come show-room, personal-art-gallery o micro silent-disco privata.
Pedana-lounge, spazio relax conviviale, trasformabile in palco, schermo a scomparsa per proiezione video, dove realizzare una performance o mini concerti.
Piccola zona bar, per un aperitivo o per dirigere la serata
Cucina professionale con i classici acciai, freddi ma sensuali, e le pareti verde acceso. Un ambiente dove dare il meglio di sé o più semplicemente dove divertirsi tra pentole, padelle, piastre a induzione, abbattitori di temperatura e tanto altro. Come i veri Chef!

NOTE TECNICHE
QKING Corestaurant nasce da un progetto di trasformazione dell’ex ristorante brasiliano Copacabana pensato e realizzato da Luca Romagnoli e Marco Zuttioni, dello studio di architetti di Modourbano.

L’IMPEGNO SOLIDALE
In piena sintonia con il tema di Expo 2015, “nutrire il pianeta”, la dirigenza di QKing Corestaurant ha deciso di devolvere, fino alla fine dell’evento fieristico, il 5% dell’incasso realizzato per l’affitto del locale ad Oxfam, una delle più importanti confederazioni internazionali nel mondo specializzata in aiuti umanitari e progetti di sviluppo. Un piccolo gesto ma concreto cui parteciperanno dunque anche i clienti di QKing senza che questo però gravi sul loro budget.

Oxfam è una delle più autorevoli e stimate NGO al mondo, composta da 17 organizzazioni di Paesi diversi che collaborano con 3.000 partner locali in oltre 90 paesi per individuare soluzioni durature alla povertà e all’ingiustizia. Particolare attenzione viene rivolta alla trasparenza del bilancio e all’utilizzo efficiente delle risorse. Per saperne di più, visita il sito www.oxfamitalia.org.

Redazione online

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here