Home Evidenza Cina, atrocità dell’espianto di organi dai prigionieri ancora vivi

Cina, atrocità dell’espianto di organi dai prigionieri ancora vivi

313
0
SHARE

Prima di scatenare la più grande tempesta politica nella storia recente del comunismo cinese, il capo della polizia Wang Lijun — che nel febbraio del 2012 aveva cercato di disertare presso il Consolato statunitense nella Cina sudoccidentale — supervisionava alla sottrazione di migliaia di organi dai corpi di prigionieri di coscienza. Mentre erano ancora in vita.

Wang era semplicemente un ufficiale di medio rango nella tetra cospirazione che ha raggiunto il vertice del Partito comunista cinese.

Nella città di Jinzhou, provincia del Liaoning, nella Cina nordorientale, Wang Lijun gestiva un laboratorio di ricerca nella stessa struttura dell’ufficio di sicurezza che dirigeva. La sua ricerca si incentrava sull’estrazione e il trapianto di organi da esseri umani vivi.

Lavorava sotto il controllo di Bo Xilai, funzionario caduto recentemente in disgrazia. Bo era a capo della provincia del Liaoning quando Wang ha cominciato la sua ricerca.

17.04.2013 Donna racconta le torture del più noto campo di lavoro cinese
12.03.2013 Ospedale a Chongqing espianta organi forzatamente
01.03.2013 Rompere un vaso per colpire un topo: il processo di Bo Xilai

Il fatti su Wang sono stati rivelati nel 2006 quando, tre anni dopo essere diventato direttore dell’ufficio di pubblica sicurezza, gli era stato dato un premio, ma non per aver combattuto il crimine. La squadra di Wang aveva fatto della ricerca pioneristica su come trapiantare al meglio gli organi prelevati dai prigionieri — che potevano essere ancora vivi al momento della rimozione — e i chirurghi che agivano ai suoi ordini avevano raffinato nuove tecniche su «migliaia» di prove sul campo.

«Come tutti noi sappiamo, la cosiddetta “ricerca sul campo” è il risultato di molte migliaia di intensi trapianti in loco», ha detto nel discorso di accettazione del premio.

Parlando della sua ricerca aveva detto: «Per un poliziotto veterano, vedere qualcuno venire giustiziato e vedere gli organi di questa persona venire trapiantati a molti altri corpi di altre persone è stato profondamente eccitante».

«Ancora vivi»

I ricercatori sul trapianto abusivo di organi umani in Cina erano sgomenti dopo queste affermazioni.

2013_04_23_bo-xili-jan-lijun-jiang-zimen-676x450_rsz_crp_crp«La cosiddetta “ricerca sul campo” a cui Wang Lijun si riferisce è o un vero e proprio sito per le esecuzioni con furgoni medici o possibilmente un reparto di medicina, dove gli organi delle persone vengono rimossi chirurgicamente», ha detto Ethan Gutmann, che ha abbondantemente parlato nelle sue pubblicazioni della sottrazione degli organi dai prigionieri di coscienza cinesi.

David Matas, un premiato avvocato dei diritti umani canadese che ha scritto nel 2006, assieme all’ex segretario di Stato canadese David Kilgour, il pionieristico rapporto Bloody Harvest (rivisto e pubblicato come libro nel 2009) sulla sottrazione di organi ai praticanti del Falun Gong, ha detto, riferendosi alle operazioni di Wang: «In effetti non uccidono con l’iniezione, ma paralizzano con l’iniezione e prelevano gli organi mentre il corpo è ancora in vita».

Quando un organo viene rimosso da un corpo ancora vivo è più fresco e le probabilità che il nuovo corpo rigetti l’organo sono più basse. «È possibile fornire un organo immediatamente dopo che la vittima è morta cerebralmente, ma è molto più complicato», ha detto Matas.

La maggior parte degli organi usati nelle operazioni di trapianto in Cina vengono da prigionieri di coscienza. Matas ha stimato che dei 10 mila trapianti fatti in media negli anni recenti in Cina, gli organi di 8 mila operazioni sono venuti dai praticanti del Falun Gong, 500 da altri prigionieri di coscienza, 500 dalle donazioni volontarie dei familiari e 1.000 da prigionieri del braccio della morte giustiziati.

CQ Global Researcher, un importante giornale di affari globali, cita Kilgour, Matas e Gutmann nell’aver stimato, in modo indipendente, che più di 62 mila praticanti del Falun Gong sono stati uccisi per i loro organi nel periodo tra il 2000 e il 2008.

Mani insanguinate

Wang non è l’unico con le mani insanguinate. Bo Xilai, insieme a sua moglie Gu Kailai, hanno dato inizio alla cosa, utilizzando praticanti del Falun Gong detenuti per l’espianto di organi quando Bo era governatore della provincia del Liaoning (2000-2004), secondo una fonte a conoscenza della questione.

L’ex leader del Pcc Jiang Zemin ha reso possibile l’atrocità. Quando ha lanciato la persecuzione del Falun Gong, Jiang ha ordinato che la pratica avrebbe dovuto essere «sradicata» e che «nessun mezzo era eccessivo» nel gestire il Falun Gong e che «le morti sarebbero state contate come suicidi», secondo alcuni funzionari del Partito che hanno disertato. Jiang ha premiato quelli che, come Bo Xilai, erano particolarmente brutali nel trattare i praticanti del Falun Gong.

L’espianto di organi è una operazione attuata a livello nazionale. Gli ospedali e i medici lavorano assieme ai tribunali e agli agenti della sicurezza. Questo potrebbe avvenire solo con il consenso, se non l’attivo incoraggiamento, del capo dell’apparato di sicurezza del regime, cioè Luo Gan dall’inizio della persecuzione nel 1999 fino al 2002 e Zhou Yongkang dal 2003 fino allo scorso novembre.

Anche una serie di funzionari del massimo livello, associati a Jiang, sono stati coinvolti.

La propaganda d’odio diffusa contro il Falun Gong dalla fazione di Jiang era un pezzo del puzzle, secondo Kilgour e Matas. «La vendita di organi di donatori coatti mette insieme l’odio e l’avidità. Una politica statale di persecuzione è messa in atto in un modo finanziariamente vantaggioso», scrivono in Bloody Harvest. «L’incitamento all’odio contro i prigionieri e la loro disumanizzazione significa che possono essere massacrati e uccisi senza scrupolo da coloro che possono trarre vantaggio da questa propaganda ufficiale di odio»

da Epoch Times

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here