Addio alla “Cleopatra” di Hollywood

    322
    0
    SHARE

    Muore a soli 79 anni, dopo aver vissuto sotto i riflettori di tutto il mondo Liz Taylor, icona del cinema americano e simbolo della bellezza anni ’50.

    Liz Taylor è deceduta a causa di complicazioni cardiache che l’avevano obbligata a rinchiudersi nella famosa clinica Cedar Sinai Medical Center di Los Angeles. La vita dell’attrice aveva era stata segnata dallo spettacolo già dall’inizio: suo padre era un commerciante e la madre, nome d’arte Sara Sothern, era una ex attrice ritiratasi per dedicarsi alla famiglia. La bella Taylor apparve a soli nove anni nel suo primo film, There’s One Born Every Minute del 1942,  prodotto dalla Universal Studios, con la quale le piccola attrice firmò un contratto annuale prima di iniziare il lungo connubio con la Metro-Goldwyn-Mayer.  Ma è negli anni ’50 che il talento e il volto di Liz Taylor cominciano ad essere noti al grande schermo, tanto che la suanfigura diventa un pilastro della casa di produzione cinematografica che fece fortuna con la sua presenza. Una caratteristica particolare che molti ricordano, oltre alla sua partecipazione del tutto indimenticabile ai kolossal Quo vadis?  e Cleopatra, sono i suoi numerosi matrimoni. Il primo risale a quando l’attrice non era ancora una celebrità e aveva solo 18 anni; tra questi, quelli più celebri furono quelli con Mike Todd e Richard Burton.

    Oltre a queste numerose nozze-lampo, l’attrice nativa di Londra conobbe numerose malattie oltre a quella fatale, a partire dai dolori alla schiena che da sempre l’hanno accompagnata, un tumore benigno al cervello prontamente eliminato e altri problemi che spesso l’hanno costretta a ritirarsi per lunghi periodi in cliniche americane.

    Nonostante i problemi e la vita turbolenta, Liz Taylor è riuscita a porsi come icona nel mondo del cinema e dello spettacolo per la sua bellezza ineguagliabile e il suo talento frutto di studi approfonditi e tanta passione. Carlotta Contrini

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here